PARLIAMO DI …
OAK (quercus robur) Quercia

 “Per quelli che lottano e combattono una dura battaglia per guarire o per i loro affari quotidiani.Tentano una cosa dopo l’altra benché il loro caso possa sembrare senza speranza.
Continueranno a battersi.
Sono scontenti di se stessi se una malattia impedisce loro di fare ciò che devono o di aiutare gli altri. E’ gente coraggiosa, che sa far fronte a grandi difficoltà senza scoraggiarsi né rinunciare allo sforzo”.
E.Bach

Sacro ai nostri antenati, l’albero poderoso della quercia (albero dei druidi), è un albero robusto, vitale di lenta e lunga crescita, da sempre considerato simbolo di forza e resistenza. Si pensa che viva anche mille anni e alcune specie possono arrivare fino a quaranta metri d’altezza.
Il suo legno, solido e imputrescibile, viene usato per le traversine dei binari del treno, per botti e pavimenti, ed è ottimo per il fuoco: ha però la tendenza a spaccarsi, anche quando stagionato.
Nella sua lenta crescita traspare l’impegno, metodo, tenacia e pazienza, ma la tendenza a spaccarsi per la rigidità che gli corrisponde, mostra il crollo psicofisico.
Il fuoco e la quercia nell’antichità erano associati, sia per il fatto che il legno di tale albero brucia ottimamente, sia per i legami tra l’elemento fuoco e i riti propiziatori che erano attuati bruciando appunto legno di quercia. Un’altra caratteristica della quercia è anche quella di attirare i fulmini, e il soggetto che ha bisogno del rimedio floreale, tirando troppo la corda con il lavoro, gli impegni e simili, rischia di “schiantarsi” all’improvviso rimanendo “fulminato” dalla stanchezza.
Come attira i fulmini, la quercia attira anche i raggi del sole traendo da loro la tipica forza yang dell’astro splendente.
Oak, caratterizzato da un’energia ignea, maschile, di tipo yang gli conferisce tutte le qualità di cui sopra.
Molto ospitale perché sostiene un intero ecosistema attorno a sé, ospitando, presso i propri rami ed incavi nel tronco, varie specie d’animali, quale colonna a cui altri si appoggiano. Questa virtù rischia di trasformarsi in errore nel caso in cui Oak scambi la sua forza e la sua volontà come unico compito della propria vita, dimenticando se stesso.
Accanito al dovere, Oak si mostra affidabile, altruista e mai invidiosa, ha uno spiccato senso pratico e tende a prendere sulla propria schiena e le proprie spalle, il peso degli altri. Non si risparmia, non si arrende né si concede una pausa per divertimenti, seppur stanco ed esaurito, non si lamenta mai.
Fisicamente molto forte, ignora il bisogno naturale di pausa e riposo, la sua testardaggine e l’orgoglio lo rendono severo e inflessibile con se stesso; accanito al senso del dovere, combatte senza timore di perdere.
Troviamo in un Oak negativo il forte desiderio di raggiungere un primato, di mettersi alla prova e di competere con se stesso, ostinazione che conduce all’incapacità di mostrare agli altri la propria parte debole. Egli non cerca gratificazioni o ricompense: lavora e s’impegna, per se stesso e per gli altri, senza aspettarsi automaticamente un riconoscimento per il suo operato, agisce semplicemente perché è convinto che sia il suo dovere.
Nel lato ombra si nasconde però un egoismo e narcisismo sostanziale, poiché nella sua eccessiva bravura e funzionalità non fa crescere l’altro.
Niente rende Oak più abbattuto del deludere le presunte aspettative altrui, ama sentire la gioia che regalano gli altri, riflessa su di sé, dimenticando la propria gioia di vivere.
Invece di vivere, funziona!
Egli lavora, ma il cuore non vi ha parte, ha dimenticato che non sono soltanto il rendimento e le vittorie a rendere la vita degna di essere vissuta, ma anche gli aspetti più delicati.
Il rimedio floreale allenta la pressione interiore, e le energie fluiscono più ricche e più libere, il cuore e il sentimento, e la vitalità vengono rivitalizzati.
Ritorna l’elemento giocoso e con lui un maggior piacere della vita.
La fatica si trasforma in tenacia.
Il guerriero saggio sa sempre, quando è ora di fermarsi, sa quando combattere e quando sostare a guardare il cielo.
E’ questa la sua vera forza!


stampa indietro Indietro - Back
   
loredana@soffiodiluna.it